Skip to main content
Recensioni

Pavia Formaprima. Non poteva che disegnare la fantasia

By 29/10/2019Febbraio 11th, 2024No Comments

Il senso del disegno lo fa chi lo guarda, con la sua interpretazione crea il senso a quella forma espressiva.

(Guido Scarabottolo)

Da vicino ho visto un illustratore: vestito di colori scuri, con le parole che uscivano dalla sua bocca come la carne consistente di un colore; l’ho anche sentito parlare del suo lavoro, del suo modo di rispondere alle richieste, nel suo modo pacato sottovoce quasi nascosto di interagire con il pubblico; l’ho ascoltato parlare della sua vasta conoscenza di musica libri e culture; della sua apertura alare ho visto la linea, pulita chiara svecchiata alleggerita, essenziale. Essenziale così come si impara andando in là con gli anni; non solo gli orpelli, ma sono i lobi a fare il bello di un orecchio! “Vado togliendo dal disegno” ha detto.

Guido Scarabottolo in mostra alla galleria FORMAPRIMA, a Pavia, dal 19 ottobre al 16 novembre, si è portato con diversi lavori, e alcune sculture: una umana con la testa arricchita di un volatile (e chi non si è visto riflesso?), ed un’altra con la testa staccata (e chi non si è visto riflesso??); e altri corpi, di colore, che disegnano copertine di libri, che si sposano a Szymborska, Stevenson, Pinocchio, a cataloghi per bimbi come Bestiario Accidentale e Viva il Mondo. Un taccuino, quello del grafico, alla Chatwin moderna. E disegni che alzano il nostro guardare e il nostro immaginare.

Continua a leggere su tellusfolio.it